Home Il fenomeno dell'ansia

Il Fenomeno dell’Ansia

Ansia e paura possono entrambe produrre una risposta di arousal fisiologico che coinvolge l’attivazione del sistema adrenergico nel sistema nervoso centrale (CNS) e nella componente simpatica del sistema nervoso autonomico (SNS). Poiché tali sistemi sono coinvolti in entrambe le condizioni, l’esperienza fenomenologia di arousal sembra simile, e tale similarità dell’esperienza di attivazione fisiologica contribuisce alla tendenza comune di ritenere la paura e l’ansia come manifestazioni tra loro intercambiabili.

Invece esistono differenze sostanziali: infatti mentre la paura è una risposta a un pericolo reale e presente, l’ansia invece è la risposta a un pericolo potenziale, con un ben diverso regime dinamico temporale di manifestazione.

Il soggetto in uno stato di paura percepisce una minaccia immediata e reale e, su questa base, fornisce una risposta attiva che in qualche modo è indotta  dallo stimolo esterno.

Nel caso dell’ansia, il soggetto non percepisce una minaccia immediata (non vi è uno stimolo esterno che attualizza la risposta).

Il soggetto è focalizzato su una minaccia potenziale nei momenti attuali o futuri e in molti casi egli eredita questa condizione in base alla sua storia personale e al suo background psicologico

La minaccia ansiogena si modifica continuamente nel tempo: il soggetto avverte che c’è qualcosa che può accadere o che può non accadere; rimane sospeso in una superposizione di tali stati potenziali. Una caratteristica molto importante è che l’ansia rappresenta una condizione emotiva così diffusa e radicata negli esseri umani che da sola non può essere considerata un segno di patologia o una specifica sindrome, ma una modalità generale della vita umana con valori estremi che ovviamente rientrano poi nel dominio della psicopatologia. Inoltre, ci sono casi di disordini psicologici, psicosomatici,  di disturbi psichiatrici gravi come anche condizioni patologiche di tipo neurologico in cui l’ansia è sempre presente.

Inoltre, mentre l’ansia di tratto può essere considerata una condizione più stabile della nostra personalità, l’ansia di stato è considerata maggiormente connessa a fasi transienti della nostra condizione emotiva quotidiana. Entrambe le tipologie d’ansia vengono attualmente valutate attraverso l’utilizzo di opportuni test, per esempio alcuni  sono stati messi a punto da C. D. Spielberger a partire dal 1964.

Tuttavia spesso questi test risultano non sufficienti. Gli psicologi, gli psichiatri, i neurologi e gli operatori che si avvalgono del biofeedback, necessitano di  conoscere la  fenomenologia temporale del disturbo presente  nel paziente e poterla quantificare con opportuni indici per la loro corretta impostazione diagnostica e terapeutica.

In particolare, essi devono discriminare con preciso livello di accuratezza se il soggetto si trovi in una condizione di normalità o di patologia. Ancora, essi devono poter ottimizzare le loro terapie nel tempo, mediante la  psicoterapia, l’intervento di biofeedback e la terapia farmacologica.

Le metodologie innovative che forniamo nel nostro corso rispondono esattamente a tali precisi requisiti. In particolare, la nuova metodologia è in grado di stabilire nel dettaglio qual è il livello di condizione patologica del paziente, di valutare le periodicità con le quali ciascun paziente raggiunge valori massimi d’ansia e la variabilità nelle dinamiche con cui la condizione di patologia procede nel tempo.

 

Programma del corso

L’intero corso si svolgerà per mezzo di lezioni frontali che si terranno in Italia, a Bari e Roma, oppure è possibile anche seguirlo a livello internazionale mediante le modalità della formazione a distanza.

Il corso avrà durata di due settimane per gli allievi che lo seguiranno in Italia, in lingua italiana mediante le lezioni frontali, mentre avrà durata di due mesi nella modalità della formazione a distanza.

Il direttore del corso è il prof. Elio Conte.

 

L’obiettivo fondamentale del corso consiste nel fornire agli allievi una adeguata specializzazione nell’uso del  nuovo metodo. L’obiettivo viene conseguito fornendo lezioni di base dirette sui fondamenti concettuali del metodo e un training adeguato sul suo utilizzo.

Per i dettagli , consultare il nostro sito www.saistmp.com e per richiedere informazioni , utilizzare l’indirizzo

E-mail This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it